News

IL REATO DI SEQUESTRO DI PERSONA CONCORRE CON QUELLO DI VIOLENZA SESSUALE

L'orientamento consolidato della Corte di Cassazione penale n. 30931/2020

Data: 22/11/2020

La terza sezione penale della Corte di Cassazione, con sentenza n. 30931 del 13 ottobre 2020, dep. 6 novembre 2020, ha ribadito il consolidato principio secondo cui il delitto di sequestro di persona concorre con quello di violenza sessuale, nel caso in cui la privazione della libertà personale si protragga nel tempo anteriore o successivo alla costrizione necessaria a compiere gli atti sessuali.

Nel caso di specie, secondo quando accertato dai giudici di merito, la vittima stava tornando a casa volontariamente a bordo dell'autovettura dell'imputato, il quale, però, ad un certo punto si è diretto in una strada di montagna per giungere in un luogo isolato, ove si è consumata la violenza sessuale.

I giudici di legittimità hanno considerato integrato anche il reato di sequestro di persona in ragione della privazione della libertà personale della vittima nel tempo anteriore alla costrizione necessaria a compiere gli atti sessuali, essendo stata la donna trasportata lungo una strada impervia, nottetempo, in una località isolata, nonostante le ripetute e continue richieste di essere portata a casa e di non voler recarsi in quei luoghi.

Di conseguenza i delitti in esame, consumati in momenti diversi, mantenendo la loro autonomia, concorrono tra loro.

di Valerio de Gioia e Gian Ettore Gassani

Autori de “Il CODICE ROSSO