News

NJUS - CONDANNA PER DIFFAMAZIONE - RISARCIMENTO SPROPORZIONATO E LIBERTA' DI STAMPA

Commento alla sentenza CEDU del 27 luglio 2021

Data: 28/07/2021

Sulla nuova rivista digitale NJUS diretta da Valerio de Gioia potrete leggere il commento alla sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) 27 luglio 2021. La CEDU ha condannato il Portogallo per violazione dell’art. 10 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo che tutela la libertà di espressione. La ricorrente – una rete televisiva e società di media – ha trasmesso dei servizi televisivi su una rete di pedofili, alludendo erroneamente al presunto coinvolgimento di un noto politico che aveva ricoperto il ruolo di Segretario Regionale dell’Agricoltura e della Pesca. A seguito del procedimento di responsabilità civile instaurato dal politico, la società ricorrente è stata condannata dalla Suprema Corte, in ultimo grado, per diffusione di notizie illecite, al pagamento di 50.000 euro per danno morale e 65.758 euro per danno patrimoniale, per un importo complessivo, considerata l'aggiunta degli interessi legali, di 145.988,28 euro.

Il commento di Denise Campagna dal titolo: Una sentenza di condanna di una società televisiva ad un risarcimento dei danni sproporzionato in favore di un personaggio pubblico diffamato ha un “effetto raggelante” sulla libertà di espressione e di stampa è corredato dal testo integrale della sentenza.

Su NJUS potrete scaricare il PDF della sentenza ed il PDF del commento.