News

NJUS - Il delitto di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente

Commento alla sentenza Cass. pen., 4 luglio 2022, n. 25550

Data: 04/07/2022

Sulla nuova rivista digitale NJUS diretta da Valerio de Gioia potrete leggere il commento alla sentenza Cass. pen. n. 25550 del 7 aprile 2022 (dep. 4 luglio 2022). La sesta sezione penale della Corte di Cassazione si è occupata del reato di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente di cui all’art. 353-bis c.p.

Il delitto di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, previsto dall'art. 353-bis c.p., in caso di affidamento diretto, è configurabile quando la trattativa privata, al di là del "nomen juris", prevede, ai fini della scelta del contraente, una "gara", sia pure informale, cioè un segmento valutativo concorrenziale, mentre non è configurabile nelle ipotesi in cui il procedimento di scelta sia svincolato da ogni schema concorsuale ovvero quando la decisione di procedere all'affidamento diretto sia essa stessa il risultato di condotte perturbatrici volte ad evitare la gara (Cass. pen., sez. VI, 28 ottobre 2021, n. 5536).

A differenza di quanto previsto dall'art. 353 c.p., in cui l'evento naturalistico del reato è costituito in via alternativa dall'impedimento della gara o dal suo turbamento, l'art. 353-bis c.p. fa riferimento al solo turbamento del procedimento amministrativo, che deve vi essere realizzato con una condotta finalizzata a inquinare il contenuto del bando - o di un altro atto a questo equipollente - e, quindi, a condizionare le modalità di scelta del contraente. La norma incriminatrice richiede sul piano della tipicità un'azione finalizzata ad inquinare il contenuto di un atto che detta i requisiti e le modalità di partecipazione alla competizione, nonché ogni altra informazione necessaria a tale scopo.

Il commento di Giulia Faillaci dal titolo: Il delitto di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente è corredato dal testo integrale della sentenza.

Su NJUS potrete scaricare il PDF del commento